SportChannel214
CALCIO AVELLINO

Giudice Sportivo, un turno di stop per il vice di Pazienza. Avellino multato

Il Giudice Sportivo ha fermato per un turno il vice di Michele Pazienza, Antonio La Porta, espulso domenica nel concitato recupero del primo tempo contro l’ACR Messina.  Sanzionato anche l’Avellino con 600 euro di multa “per fatti contrari alle norme in materia di ordine e di sicurezza e per fatti violenti commessi dai suoi sostenitori integranti pericolo per l’incolumità pubblica, consistiti nell’aver lanciato, al 20° minuto del secondo tempo, un fumogeno nel recinto di gioco”.

Due turni di squalifica per Guido Pagliuca, tecnico della Juve Stabia: “per avere, al 41° minuto del primo tempo, tenuto una condotta irriguardosa e minacciosa nei confronti dell’Arbitro e del IV Ufficiale, in quanto, dopo la concessione di un calcio di rigore a favore della Squadra avversaria e la relativa segnatura della rete, mentre l’Arbitro raggiungeva il centrocampo per riprendere il gioco, protestava platealmente invitandolo a guardare l’immagine dell’episodio sul cellulare e contestando il suo operato; si avvicinava con fare minaccioso all’Arbitro prontamente fermato da un dirigente della propria società; B) dopo la notifica del provvedimento di espulsione, sostava indebitamente all’interno degli spogliatoi sino alla fine del primo tempo, reiterando il suo comportamento anche nei confronti del IV Ufficiale e invitandoli nuovamente a guardare l’immagine di un episodio sul cellulare. c) per avere, al termine della gara, fatto nuovamente accesso negli spogliatoi per festeggiare la vittoria della propria Squadra, nonostante il provvedimento di espulsione. Ritenuta la continuazione, misura della sanzione in applicazione degli artt. 4, 13, comma 2, e 36, comma 1, lett. a), C.G.S., valutate le modalità complessive dei fatti (r. arbitrale, r. IV Ufficiale, proc. fed., r. c.c.)”.

Inizibione fino al 27 febbraio per Vincenzo Greco, diggì del Picerno: “per avere, al termine della gara, nella zona antistante gli spogliatoi degli arbitri, tenuto una condotta non corretta nei confronti di tesserati avversari, in quanto pronunciava nei loro confronti frasi offensive, ripetute per due volte, determinando, con tale condotta, la reazione dei tesserati. Misura della sanzione in applicazione degli artt. 13, comma 2, e 36, comma 2, lett. a), C.G.S, valutati le modalità complessive della condotta ed il ruolo dirigenziale apicale ricoperto dal Greco (r. Arbitro, r. proc. fed., r. c.c., panchina aggiuntiva)”.

Related posts

Il riscatto di Patierno grazie ad un “corno” e tanta fiducia

Antonella Oliverio

Avellino, segnali positivi in amichevole

Redazione Sportchannel214

Potenza-Avellino, le parole di Marco Armellino

Antonio Tedeschi

Commenta